Kill It With Fire è un indie game, simulatore (più o meno) di cosa accadrebbe nella mente di un Rambo aracnofobico. Impostata la qualità video potato e una risoluzione 1024×768 – che ricrea il feeling da shooter anni 90′ – via ai crimini di guerra. Lo stile grafico è immediatamente familiare a chiunque abbia provato altri simulatori, come Hello Neighbor, ma il risultato finale per quanto essenziale è molto gradevole. Il gioco è stabile, con un solo crash in più di 8 ore di gioco dopo l’unlock di un achievement, ma probabilmente imputabile all’overlay di Steam.

Si parte una sorta di tutorial che introduce le (essenziali) meccaniche di gioco, quali movimento, salto, raccolta e lancio di oggetti, e, soprattutto, l’omicidio dei famigerati ragni. Infatti freddare aracnidi contribuisce a sbloccare nuove zone, nuovi oggetti, e a passare al livello successivo. Il primo oggetto contundente con cui sbarazzarsi degli indesiderati ad otto zampe è una semplice cartella che mostra anche gli obiettivi dello scenario, ma, un po’ come la crisi missilistica di Cuba, Kill It With Fire è basato sull’escalation. Se i primi ragni con cui abbiamo a che fare sono solo grossi e pelosi, ben presto cominceranno a saltare, spawnare una mezza dozzina di ragnetti dopo la morte, spruzzarci ragnatele in faccia e persino esplodere; d’altro canto il giocatore avrà accesso ad armi progressivamente più letali: padelle, tosaerba, lanciafiamme, C4 per dirne alcune.

Fortunatamente il pericolo maggiore rappresentato dagli animaletti è quello di farci bagnare i pantaloni: il nostro personaggio non ha una barra della salute e non pertanto non corre rischi, ma questo non significa affatto che Kill It With Fire sia un gioco “rilassante”. Il tipico violino da film horror accompagna lo spostamento dei ragni, che spesso ci scorrazzano sotto i piedi, o peggio saltano a pochi centimetri dalla nostra faccia. Prima di questa esperienza non mi consideravo aracnofobico, ora lo sono diventato. Del resto non ero mai stato rinchiuso in una stanza con così tante bestiacce pelose, e ho tre gatti che dormono nel mio stesso letto.

Lo scopo del gioco, superficialmente, è piuttosto semplice: basta eliminare un tot di ragni per poter accedere allo scenario successivo. In realtà abbiamo anche una lista di obiettivi e collectible, che permettono di sbloccare nuove armi e potenziamenti per il personaggio e lo spider-detector. Lo spider-detector in particolare passerà da un approssimativo rilevatore di prossimità ad un sofisticato sistema di geo-localizzazione dei bastardi ad otto zampe. Il contatore di ragni morti regola anche l’accesso a nuove zone all’interno del livello, e una volta completati tutti gli obiettivi si sblocca lo Spider Gauntlet dello scenario. Si tratta di sfide a tempo con un grado di difficoltà che oscilla tra “git gud” e “adesso disinstallo il gioco e formatto l’HDD”.

Il titolo è diviso in otto scenari, diversificati e ben caratterizzati, dalla durata di circa 20-30 minuti ciascuno. Alcuni “puzzle” ambientali sono piuttosto divertenti da risolvere, altri risultano noiosi e non richiedono alcun ragionamento, solo la raccolta di X number of Y sparsi in giro. L’esempio peggiore è nello scenario della stazione di servizio, in cui i completisti passeranno ore a trascinare prodotti in cassa per trovarne sette dal valore complessivo di 100 dollari e completare l’obiettivo. Ignorando il padding, Kill It With Fire si può finire tranquillamente in un pomeriggio, ma appunto gauntlet e obiettivi incrementano la longevità per chi vuole spremere al massimo i 12,50 euro del titolo.

La realtà è che, al netto di tutto, il punto di forza del gioco è la sensazione di “panico controllato” ogni volta che apriamo un cassetto, o giriamo un sasso, o sentiamo un ragno sgambettarci sotto i piedi; seguito dal disperato tentativo di colpire un oggetto grande quanto una nocciolina con un revolver (il sistema di mira colloso non aiuta molto), e, una volta finiti i colpi, passare direttamente alle fiamme purificatrici. O alla buona vecchia padella. In conclusione un indie simpatico e adatto a tutte le età, anche se il gioco esprimerebbe al meglio il suo potenziale su VR. Kill It With Fire sarà disponibile su Steam dal 13 agosto 2020.