Il creatore della saga di Metal Gear è al centro delle notizie negli ultimi giorni. Dopo aver dichiarato di voler sviluppare un horror insieme al mangaka Junji Itō, arriva un nuovo importante annuncio che lo riguarda. Hideo Kojima farà parte della giuria della Mostra del cinema di Venezia 2020.

In particolare la categoria che giudicherà insieme a Celine Tricart e Asif Kapadia riguarderà le produzioni in realtà virtuale, che assegnerà i premi Gran Premio della Giuria per la Migliore opera VR immersiva, Migliore esperienza VR immersiva e Migliore storia VR immersiva. La mostra si terrà tra il 2 e il 12 settembre 2020.

Kojima è notoriamente appassionato di cinema e spesso nasconde nei suoi videogiochi piccole citazioni a film occidentali. Partecipare ad una delle mostre cinematografiche più prestigiose del mondo sarà sicuramente una grande occasione per lui, ma non solo.

La presenza di Kojima alla settantasettesima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica può rappresentare anche un primo punto d’incontro tra il mondo dell’arte “canonico” e il videogioco. Da tempo infatti videogiocatori e autori di videogiochi hanno individuato opere con valenza artistica all’interno del medium, ma difficilmente il resto del mondo riconosce i videogiochi come arte.

L’inclusione di uno degli autori più prestigiosi dell’industria videoludica in un evento di tale portata potrebbe significare un’inversione di marcia in questo senso.