Vi siete mai chiesti come mai, all’improvviso, un Villager di Animal Crossing: New Horizons decida di lasciare la vostra isola? “È colpa mia? Forse l’ho infastidito con tutti quei retini in faccia” sarà stata la vostra prima domanda. In realtà la questione è molto più complicata di quel che sembra, e coinvolge una vecchia conoscenza di qualsiasi videogioco: il buon vecchio fattore randomico.

Animal Crossing New Horizons VillagerAttraverso il datamine attuato dall’utente Ninji, la community è riuscita a decifrare i criteri che gestiscono questa meccanica dell’ultimo capitolo della serie Nintendo. E sebbene questo datamine risalga alla versione 1.2.0, Ninji ha confermato che questo processo è presente anche nell’ultima versione del gioco.

Ecco come il gioco gestisce le partenze dei vostri vicini:

  • Il gioco verifica se un player abbia o meno almeno 5 villager;
  • In un qualsiasi giorno, la probabilità che un villager chieda al player di lasciare l’isola è pari al numero di villager sommato al numero di giorni di distanza dall’ultima volta che quest’ultimo sia stato invitato ad andarsene dal player.

A queste due premesse, vanno aggiunte due ulteriori condizioni, che agiscono da cooldown:

  • Nessun villager vi chiederà di andarsene per almeno 5 giorni dall’ultima volta;
  • Nessun villager vi chiederà di andarsene per 15 giorni se qualcuno ha lasciato una parte di terreno vuota;
  • Una volta superati questi due check, il gioco sceglierà un villager con il valore d’amicizia più basso.

Infine, un villager non verrà preso in considerazione se:

  • La sua casa è stata spostata;
  • Ha festeggiato il suo compleanno negli ultimi 7 giorni;
  • Il giocatore chiede a quest’ultimo di restare;
  • Si è appena trasferito.

Insomma, la scienza all’interno di Animal Crossing è più complicata di quel che sembra e non sarà di certo un retino in testa a far scappare il vostro amato Raynold dal vostro paradiso in terra.