Era il lontano 2001 quando Nintendo, dal prestigioso palco dell’E3 di Los Angeles, si apprestava a presentare il suo nuovo gioiello: GameCube. In quella conferenza un giovane Shigeru Miyamoto annunciò inaspettatamente quello che poi, a distanza di molti anni, sarebbe diventato il primo videogioco al lancio di una console Nintendo senza protagonista Super Mario, ovvero Luigi’s Mansion.

In questo videogioco vestiamo i panni del goffo fratello di Mario che, dopo aver vinto inaspettatamente una dimora, si trova a fare i conti con una lugubre realtà: la casa appena “aggiudicata” è in realtà infestata da un folto gruppo di fantasmi, tutti con caratteristiche più o meno temibili.

Sono passati ormai 18 lunghissimi anni e la serie ha visto passare due capitoli su Nintendo 3DS (Luigi’s Mansion 2 e Luigi’s Mansion, remake dell’omonimo primo videogioco) e poi, in tempi più moderni, il terzo capitolo che sarà disponibile prossimamente su Nintendo Switch. Noi di Parliamo di Videogiochi, grazie ad un invito stampa gentilmente concessosi da Nintendo in quel di Milano, abbiamo avuto l’opportunità di poter provare in anteprima il titolo.

Quali disavventure dovrà affrontare il nostro povero Luigi? S

L’obiettivo principale che ha Luigi, come da tradizione, è quello di eliminare i fantasmi, ma questa volta si ritrova ad affrontare questa minaccia in un enorme hotel di lusso. Nell’albergo teoricamente dovrebbero essere presenti i suoi cari, Mario e Peach, ma appena l’idraulico si ritrova all’interno si rende conto che la situazione è tutt’altro che festosa. Così il pauroso Luigi deve di nuovo risolvere terribili problemi spettrali.

La breve demo metteva a disposizione del giocatore solo uno dei livelli disponibili nel titolo con una piccola boss fight: per evitare spiacevoli spoiler, su quest’ultima parte, non ci dilungheremo. In questa prova abbiamo avuto la possibilità di testare alcune delle novità del gioco, ma alcune modalità come ad esempio la versione multigiocatore non sono purtroppo state rese disponibili.

Ciò che balza immediatamente all’occhio è la grande varietà delle azioni che Luigi può compiere: il nuovo aspirapolvere del Dottor Strambic, chiamato Poltergust G-0M, è un potente strumento tecnologico che ci consente infatti di poterci difendere dalle minacce dei nemici. Una delle novità introdotte è una speciale tecnica chiamata “sobbalzo” che, premendo due specifici tasti, ci consente di indirizzare un forte impatto di aria compressa sotto ai nostri piedi allontanando e stordendo per pochi secondi i fantasmi. Tuttavia non mancano anche le classiche tecniche viste già nei precedenti titoli, come la possibilità di aspirare qualsiasi tipologia di nemico armandosi di molta pazienza o utilizzando un’inedita tecnica molto efficace per acchiappare i fantasmi: lo “sbatacchiamento”. Questo consiste letteralmente nello sbattere i fantasmi con violenza in giro per lo stage infliggendo loro rapidamente i punti ferita. La nuova meccanica può essere utilizzata anche come “arma” difensiva verso gli altri fantasmi, oltre a poter essere talvolta utile per svelare eventuali oggetti nascosti saggiamente in dei punti della mappa.

La nuova tecnica d’attacco è un arma micidiale

Ovviamente la strategia per catturare i fantasmi si differenzia da nemico a nemico: per chi vuole utilizzare una tecnica più “tradizionale”, basta semplicemente stordirli con la torcia (Strobobulbo) per poi aspirarli con il nuovo potente utensile. Nel caso alcuni dei nemici presentino degli speciali equipaggiamenti per aggirare la nostra tattica, si può sfruttare la nuova meccanica del “colpo ventosa”, che consente di attaccarsi su qualsiasi materiale lasciando una cordicella, che si può in seguito aspirare per poi distruggere tutto ciò che ci creerà dei problemi. Consigliamo di utilizzarla anche per scovare eventuali segreti ben nascosti.

Chissà cosa nasconde quella scatola…

Ultima rivelazione, ma non meno importante, è la nuova invenzione del Dottor Strambic presente nel gioco: ovvero “Gommiluigi“. Sostanzialmente si tratta di un clone di Luigi che, come suggerisce la parola, è fatto di gomma. Ci è stato riferito, nonostante non sia stato possibile testarlo, che sarà utilizzabile anche giocando la modalità storia in 2 giocatori, e basterà semplicemente utilizzare due joycon differenti per attivarlo e avviare la modalità cooperativa . Il nostro co-protagonista è indispensabile per risolvere alcuni enigmi che non sarebbe possibile affrontare da soli. Come ad esempio, attraversare senza subire alcun danno delle pareti ostiche formate da superfici metalliche acuminate, per recuperare oggetti nascosti in determinati bauli, che il nostro simpatico (ma fifone) protagonista non sarebbe capace di raggiungere. Tuttavia anche Gommiluigi ha un nemico serio con cui dovrà fare i conti: l’acqua. Una volta entratovi in contatto il co-personaggio sparirà. Dunque fate attenzione.

Gommiluigi può attraversare ogni tipo di parete

Luigi’s Mansion 3, al momento, non ha ancora una data d’uscita ma sarà disponibile nel corso di quest’anno. Aspettiamolo insieme con fantasmagorica ansia!

Commenti

risposte