Bologna eccoci qui! Dopo esserci incontrati in stazione centrale con Fraws, Parliamo di Videogiochi è finalmente pronto a sbarcare allo Svilupparty! Arrivati alla fiera verso le 11, iniziamo immediatamente la nostra perlustrazione!

Partiamo, visto che lo merita in maniera particolare, con una breve descrizione del posto. La cineteca di Bologna è, infatti, un luogo pieno di sorprese. Non fatevi trarre in inganno: pur suggerendo la sua vicinanza al mondo cinematografico (contenendo chicche di valore incalcolabile), il nome è tremendamente limitativo. La cineteca è in realtà uno spazio polifunzionale e perfettamente attrezzato: non solo mette a disposizione, oltre a dvd e filmati, una quantità indefinita di videogiochi, ma rende anche possibile visionarli/giocarli nelle apposite stanze predisposte. A Roma, una cosa del genere, la devo ancora trovare.

IMG_8968


Passiamo adesso alla sostanza dello Svilupparty. Ospitando produzioni strettamente indipendenti, risulta inevitabile che a dominare siano giochi in 2D. Tuttavia, non sono mancati sprazzi di Unreal Engine 4 e interessanti produzioni VR. Dopo aver visionato praticamente ogni singolo titolo, vi elencherò, riassumendo brevemente, quelli che a nostro avviso sono stati i giochi più degni di nota in questo primo giorno di Svilupparty!

Willy Morgan: i ragazzi di imaginarylab hanno dato vita ad un classico punta e clicka con indovinelli per nulla scontati. Grafica godibile con un pizzico di retro! screenshot051

Laika 2.0: saró sincero, sono stato particolarmente ammaliato dai riferimenti storici sull’Unione Sovietica e sul KgB. In questo platform lo studio Albatross ci farà giocare nei panni di Laika, scimmia russa impiegata come un vero e proprio agente segreto. laika-2-0-provato-v10-32069-1280x16.jpg

The Way of Life: sfruttando uno dei generi da me preferiti (l’avventura grafica), il team di Cybercoconut ci permetterà di renderci padroni delle nostre scelte che influenzeranno una storia potenzialmente emozionante. BannerWeb

Cat Guns: di Arena presenti ce n’erano molti e Cat Guns si è dimostrato senza dubbio il migliore. Nonostante i pochissimi mesi di sviluppo, i Bad Jokes ci hanno offerto un’esperienza multiplayer 3 v 3 a schermo condiviso con grafica stile Overwatch. I protagonisti? Gattini sopra robottoni totalmente personalizzabili: dalle arme ai colori. 16790135_1258532470848841_4314113993917595648_n

Downward: arriviamo infine al campione assoluto della serata nonché candidato al premio che consegneremo domani. Sfruttando quasi al massimo l’Unreal Engine 4, i ragazzi romani della Caragol Games hanno dato vita ad una grafica che non ho difficoltá a definire da titolo tripla A. Il tutto condito da un gameplay per nulla facile e per nulla scontato dove dovremo, in prima persona, cimentarci in sfide di parkour e salti dove il tempismo nelle combo ha la sua parte. La Beta é disponibile su Steam: provatelo, ne vale veramente la pena! 3

Per oggi è tutto. Ci vediamo domani/stasera con il Day 02, dove scopriremo chi meriterà il nostro ambito premio!

Commenti

risposte